Storia

La pallanuoto a Piove di Sacco fa la sua prima comparsa nel 1996, in occasione dell’apertura degli Impianti Sportivi dell’AS AQUARIA 2001. La società 2001, gestore dell’impianto, forte dell’esperienza pallanotistica padovana del Plebiscito (la prima squadra milita attualmente in serie A2) decide di esportare questo sport anche nella Saccisica. Sotto la guida del tecnico Giorgio Chiovato e del suo aiutante, il piovese Marco Rubin, vengono iscritte per la prima volta due squadre, nella categoria Ragazzi (Under15) e Allievi (Under17). L’anno seguente nasce la “squadra Seniores”, iscritta al campionato regionale di serie D e allenata da Antonio Villaminar, medico ed ex giocatore di RN Cagliari (serie A2).
La prima formazione della squadra seniores che prese parte alla serie D nel 1997. Questi i nomi di quella formazione: in piedi da sinistra a destra, Zamberlan, Berto, Mongiat, Alverdi, Temporin, Dal Maschio, Villaminar (Cap); accosciati, da sinistra a destra: Parpagiola, Micucci, Bertin, Marzola e Galvan.

La prima formazione della squadra seniores che prese parte alla serie D nel 1997. Questi i nomi di quella formazione: in piedi da sinistra a destra, Zamberlan, Berto, Mongiat, Alverdi, Temporin, Dal Maschio, Villaminar (Cap); accosciati, da sinistra a destra: Parpagiola, Micucci, Bertin, Marzola e Galvan.

Passano gli anni e l’AQUARIA da fanalino di coda inizia la scalata alle classifiche e i giovani atleti piovesi trovano una propria identità di squadra e un proprio gioco, con la categoria Juniores (Under19) l’AQUARIA domina il campionato e si arrende solo nelle semifinali, di fronte allo strapotere dei cugini del Plebiscito; ma, alla delusione per la finale mancata con la giovanile, si contrappone la grande gioia per la prima promozione in serie “C” della prima squadra: promozione arrivata all’ultima giornata di campionato davanti al pubblico di casa, al termine di una partita al cardiopalma contro il CUS Trieste. Correva l’anno 2003.
Gli oro-azzurri che han conquistato per la prima volta la serie C nel 2003: in senso orario, dal portiere Galvan, seguono Sartori, Ravenna (Cap), Trevisan, Paolo e Marco Prearo, Mongiat, Billiato, Battistello, Arlanch, Degan, Del Favero e Focoso.

Gli oro-azzurri che han conquistato per la prima volta la serie C nel 2003: in senso orario, dal portiere Galvan, seguono Sartori, Ravenna (Cap), Trevisan, Paolo e Marco Prearo, Mongiat, Billiato, Battistello, Arlanch, Degan, Del Favero e Focoso.

Stagione ricca di soddisfazioni in un campionato decisamente lungo e difficile, nel quale l’AQUARIA conquista la salvezza battendo squadre sulla carta decisamente più forti (come ad esempio la leggendaria vittoria nel derby contro la 2001PD) e permettendo l’ulteriore crescita degli ancora giovanissimi atleti piovesi.
aquaria2003_04

La prima squadra che prese parte al primo campionato di serie C. Schierati, in piedi, da sinistra a destra: Degan, Marco Prearo, Carraro, Trevisan, Del Favero, Tramonte, Barbierato; in basso da sinistra a destra: Alberto Billiato, Friso, Paolo Prearo, Focoso, Sartori, Nicola Billiato, Galvan (Cap).

L’anno successivo il miracolo non si ripete, la prima squadra torna nel “purgatorio” della serie D ma, grazie all’esperienza acquisita e al contributo del pescarese Sassi (campione d’Italia con il Pescara negli anni ’90), torna subito sulla scena del campionato nazionale di serie C.
Nel 2007, gli oro‐azzurri (questi i colori sociali della formazione pallanotistica Piovese) iniziano la stagione con grosse novità: alla “vecchia” guardia piovese si aggiungono altri quattro giocatori provenienti da categorie superiori, guidati dal blasonato tecnico
veneziano Francesco De Sanzuane. Ma, sebbene questa formazione appaia sulla carta molto forte, al termine di una stagione deludente e ricca di eventi sfortunati, torna mestamente in serie D.
La dirigenza decide cosi di rinunciare a tutti gli “acquisti” fatti l’anno prima e di ripartire da zero affidandosi solamente ai ragazzi piovesi, che, dopo una decina di stagioni sono finalmente in grado di essere indipendenti; secondo la medesima linea, pure la guida tecnica, viene affidata al giovane tecnico Nicola Longhin, ex giocatore dell’AQUARIA nonchè allenatore cresciuto in casa piovese.
La squadra ritrova fiducia nei propri mezzi, vince tutte le partite del girone, mettendo in bacheca l’ambita Coppa Triveneto e si presenta allo spareggio‐promozione con i favori del pronostico; contro la formazione lombarda del Crema, in una gara terminata tra mille polemiche, la squadra piovese incappa però in una giornata storta e vede sfumare amaramente l’obiettivo serie C.
SQxdesktop

La squadra che vinse la Coppa Triveneto e sfiorò la promozione in C nei play-off col Crema de 2007. In foto, in piedi da sinistra a destra: coach Longhin, Giraldo, Trevisan, Molena, Copiello, Marco Prearo, Tramonte, Alberto Billiato, Tredese; in basso dalla sinistra, Nicola Billiato, Paolo Prearo, Pinato, Galvan (Cap), Menin, Zecchino e Rigato.

Quasi in contemporanea la squadra femminile dell’AQUARIA (nata l’anno prima) manca per un soffio la promozione al campionato nazionale di serie B ai play‐off di Pozzuoli.
La stagione 2009 si apre con l’arrivo di Gianluca De Rossi sulla panchina piovese in sostituzione di mister Longhin (entrato nel frattempo nei quadri tecnici del Plebiscito Padova per accrescere la sua esperienza). Il nuovo tecnico può contare sulla formazione dell’anno precedente e sull’inserimento di giovani promettenti provenienti dal vivaio oro‐azzurro. Per il secondo anno consecutivo nessuna squadra tiene testa alla squadra di Piove di Sacco, fatta eccezione per i veronesi della CSS, e all’ultima giornata davanti ad un pubblico in delirio, al centro sportivo AQUARIA si sente finalmente riecheggiare “serie C, serie C”.
presentazCOMUNE

Gli oro-azzurri che riconquistarono la serie C nel 2008, qui al Pallazzo Comunale di Piove di Sacco: da sinistrain piedi Mazzucato (dirigente accompagnatore), Barbiero (presidente), Longhin (allenatore), Copiello, Alberto Billiato, Rigato, Paolo Prearo, Marco Prearo, Tramonte e Tredese; accosciati, dalla sinistra: Menin, Pinato, Trevisan, Giraldo, Galvan (Cap), Nicola Billiato e Segala (poi non tesserato per una svista burocratica).

Nelle stagioni seguenti, dal 2010 ad oggi, AQUARIA partecipa al Campionato nazionale di Serie “C”: un campionato lungo e difficile in cui affronta squadre spesso molto più competitive e attrezzate, provenienti da grandi città del Triveneto, Emilia‐
Romagna, Lombardia e Marche; società blasonate in cui le risorse, anche economiche, non mancano e che possono permettersi il lusso di comprare le prestazioni di giocatori di categorie superiori.
Anche in casa AQUARIA però è tempo di grandi cambiamenti: la rosa viene drasticamente ringiovanita con l’innesto di promettenti atleti classe ’96, ’98, ‘99 che rendono di fatto la formazione Piovese la più giovane del torneo, mentre per quanto riguarda la guida tecnica si registra il ritorno di mister Longhin di rientro dall’esperienza padovana in serie B.
Stagioni ricche di soddisfazioni, la crescita del gruppo, alcuni atleti chiamati a giocare in serie B nella 2001PD, belle e importanti vittorie davanti ad un pubblico sempre più numeroso, la salvezza e il record di punti in serie C nella stagione 2013: AQUARIA è ormai una bella realtà nel panorama della pallanuoto del Nord Italia.
aq2012

L’AQUARIA dei record del 2013. In ultima fila, dalla sinistra: Marco Prearo, Jardanji, Gambarotto, Cirillo, Gaspari, Barbierato, Scarabello, Simonetto; in seconda fila, da sinistra: Longhin (allenatore), Vergerio, Miotto, Alberto Billiato (Cap), Cavinato e Nicola Billiato; in prima fila, sempre da sinistra a destra: Zampieri, Cardin, Pinato, Benetazzo e Zecchino.

Il 2014 è per AQUARIA un anno da sogno: si apre con molte, moltissime novità che segneranno indiscutibilmente la stagione 2015; oltre ad i graditi ritorni di Galvan e Tredese, vengono inseriti in squadra anche Andolfo (nella stagione precedente assieme proprio a Galvan e Tredese all’Acquambiente) e due giocatori che Piove di Sacco non avrebbe mai immaginato di poter annoverare in rosa: Alberto Trevisan e Diego Bacelle; i due campionissimi, non ancora decisi ad abbandonare i campi di gioco, si son inseriti con molta umiltà e voglia di regalare esperienza e consigli ai più giovani, ma soprattutto ancora tanta voglia di divertirsi e di regalare emozioni al pubblico.
Pur partendo sulla carta come “squadra da battere”, il Campionato non è mai stata cosa facile e scontata: mai AQUARIA si era trovata a dover affrontare un torneo di Serie C da favorita e le insidie erano dietro l’angolo, in ogni partita… Una stagione esaltante in cui ogni singolo elemento dell’ampissima Rosa a disposizione di coach Longhin ha potuto mettersi in luce e dare il suo contributo, conclusasi nella vasca casalinga dello Stadio della Pallanuoto del Plebiscito, il 13 Giugno, con una Vittoria contro la Persicetana, che di fatto regalava un sogno, un’impresa, qualcosa che rimarrà per sempre scritto nella memoria di tutti i protagonisti: AQUARIA in Serie B!
Questa la rosa competa degli atleti che hanno conquistato la serie B, a disposizione di coach Longhin: Manuel Gaspari, Mauro Galvan, Nicola Trevisan, Marco Prearo, Gabriele De Luca, Giacomo Cavinato, Marco Cirillo, Stefano Pinato, Alberto Billiato, Stefano Ciatto, Nicola Vergerio, Marco Gambarotto, Diego Bacelle, Filippo Morelli, Filippo Benetazzo, Francesco Giunco, Alberto Trevisan, Antonio Zecchino, Mauro Simonetto, Nicola Billiato, Matteo Giordani, Alberto Tredese e Matteo Andolfo.

Questa la rosa competa degli atleti che hanno conquistato la serie B, a disposizione di coach Longhin: Manuel Gaspari, Mauro Galvan, Nicola Trevisan, Marco Prearo, Gabriele De Luca, Giacomo Cavinato, Marco Cirillo, Stefano Pinato, Alberto Billiato, Stefano Ciatto, Nicola Vergerio, Marco Gambarotto, Diego Bacelle, Filippo Morelli, Filippo Benetazzo, Francesco Giunco, Alberto Trevisan, Antonio Zecchino, Mauro Simonetto, Nicola Billiato, Matteo Giordani, Alberto Tredese e Matteo Andolfo.

La stagione 2016, in serie B non è semplice, ma il grande gruppo ed i tanti sacrifici portano la squadra pioevse a divenire quasi imbattibile in casa e a far punti importanti pure in trasferta; la regoluar season si chiude con 22 punti, salvezza fatta, così pare… e invece no: proprio all’ultima giornata, uno strano risultato arriva dal campo di Brescia, dove la prima della classe scivola contro Monza che acciuffa così AQURIA a 22 punti, ma avendo un +1 nella differenza reti degli scontri diretti, manda i Piovesi al terzultimo posto in classifica e duqnue ai Play-OUT.
Play-OUT giocati contro la penultima del girone 1, il Nuoto Livorno; in gara 1, a Padova, AQUARIA mette subito in chairo le cose e vince agevolmente, ma in gara 2, a Livorno, le cose sembrano mettersi non bene per i ΠΔΣ Boys, che solo dopo aver subito il 2-0 si svegliano ed iniziano a macinare gioco e reti, chiudendo la “pratica SALVEZZA” in due match!
Da ricordare il rientro nel mondo della pallanuoto di Filippo Pastore, ex portierone del Plebiscito Padova fautore della promozione in A2 nel 1997 che affascinato dal gruppo Piovese ha deciso di rientrare per metter a disposizione la sua esperienza nella preparazione dei portieri (e non solo!).

 

SONY DSC

La gara d’esordio in Serie B!